La macchina che produce freddo nel luogo più caldo.

Pubblicato: 9 luglio 2012 in Idee per il risparmio energetico
Tag:, ,

Durante quasi tutti i sopralluoghi fatti finora, abbiamo visto molto spesso che le macchine che producono freddo lavorano in condizioni critiche e spesso proibitive.

Ci sono due categorie di queste macchine nelle nostre case:

1. I frigoriferi/congelatori

2. I condizionatori o climatizzatori d’aria

Prima di spiegarVi perché queste macchine soffrono è doveroso spiegare come funzionano.

Tutte queste macchine sono azionate da una pompa di calore elettrica, questo magnifico dispositivo preleva il calore da un ambiente e lo trasferisce in un altro. Quindi prende il calore all’interno del frigorifero e lo porta all’esterno, così l’ambiente interno si raffredda.

Lo schema ne evidenzia il funzionamento, ma dalla teoria alla pratica a volte ce ne passa parecchio.

Problema numero 1: le guarnizioni.

Se le guarnizione del Vostro frigo-congelatore sono dure, rigide, è il momento di considerarne la sostituzione. Infatti se la guarnizione non è abbastanza morbida, rimangono delle fessure attraverso le quali il FREDDO scappa fuori (l’aria fredda è più densa e pesante).

La guarnizione magnetica della maggior parte dei frigo-congelatori da sola non ha sufficiente tenuta per trattenere efficientemente il freddo all’interno. Vi ricordate i vecchi frigo con la maniglia che serrava la portella? Ecco quella si che è una soluzione che nel tempo assicura una tenuta ermetica, un sigillo che regalava la garanzia che il frigo-congelatore sarebbe durato per molti anni.

Spesso anche la cattiva regolazione delle portelle in legno dei frigo ad incasso lasciano il frigo “aperto” perche la guarnizione magnetica non ha sufficiente spazio/elasticità per aderire.

Soluzione.

Sostituire le guarnizioni esistenti con quelle siliconiche ed applicare una maniglia che sigilli la portella contro la carcassa del frigo-congelatore.

Problema numero 2: l’asfissia.

Tutti i frigoriferi hanno bisogno di spazio per respirare, ci deve essere molto spazio sul retro e la possibilità che l’aria fredda passi sotto il frigorifero senza alcun impedimento.

La soluzione dell’incasso è micidiale, seppellire il frigo dentro un mobile vuol dire condannarlo ad atroci sofferenze, che spesso conducono alla sua dipartita precoce.

Soluzione.

Togliere il battiscopa sotto l’incasso del frigorifero, per agevolare l’ingresso d’aria più fredda sotto il frigo ed assicurarsi che il retro del frigo, dove c’è la griglia metallica, sia sgombero e libero da ogni ostacolo per il flusso dell’aria. Naturalmente la parte superiore del mobile deve essere aperta, per agevolare la fuoriuscita dell’aria calda, come se fosse lo sfogo dei fumi di un caminetto.

Problema numero 3: la stanza più calda della casa.

Il frigorifero spesso ha bisogno di un salutare trasloco, è inconcepibile tenere una macchina che produce freddo nella stanza più calda della casa, magari accanto al forno o ai fuochi della cucina.

Soluzione.

Il frigo dovrebbe abitare nel luogo più freddo della casa, ogni casa ne ha uno, spesso è un locale che si trova a nord. Oppure in cantina in un sotto scala, fate un po’ voi, l’importante è che stia al fresco e lontano dal fuoco. Andrebbe bene anche in cucina, purché distante da fonti di calore.

Soluzione Sperimentale.

Ci sarebbe un’altra via per dare la vita quasi eterna al frigorifero, cioè montare sulla griglia posteriore uno scambiatore di calore liquido/gas. In questo modo il calore che viene espulso dall’interno del frigo si trasferirebbe al liquido che, tramite una pompa di ricircolo, lo trasferirebbe in un luogo fresco (ad esempio la parete lato nord della casa, dove non batte mai il sole d’estate e d’inverno è il luogo più freddo.

Problema numero 5: l’unità esterna del condizionare/climatizzatore prende il sole.

Queste unità si trovano spesso sotto il sole, senza nemmeno un riparo. Male!!

Come per il frigo questa parte deve stare in un luogo assolutamente fresco e riparato. Altrimenti ogni volta che accendete il climatizzatore vi servirà accendere anche un mutuo per pagare i costi delle bollette.

Soluzione.

Queste unità devono essere trasferite sulla parete nord della casa.

Soluzione Sperimentale.

Inserendo lo stesso scambiatore di calore adottato per il frigorifero, si potrebbe ottenere tanta acqua calda sanitaria.

Aiutateci ad aiutarvi:

Aderite al gruppo di acquisto solidale 

Prestate 10 euro alla famiglia Gramada, ve li restituiranno con parte di quanto stanno già risparmiando.

 

 

 

Annunci
commenti
  1. […] della signora mi sono accorto che il gruppo frigo e congelatore rimaneva costantemente accesso, data la nostra larga esperienza a riguardo, ci siamo affrettati ad approfondire la questione, cercando di capire cosa ci fosse che non andava. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...