Come trasformare l’umido vegetale in cibo e/o bellezza.

Pubblicato: 8 gennaio 2015 in Uncategorized

Risparmiamoci

La scorsa volta abbiamo affrontato il tema del recupero della materia organica grazie al biodigestore anaerobico, oggi vi parlerò di suo fratello, il biodigestore aerobico.10402420_10205115126907592_8329210673373762253_n

Questo macchinario, al contrario del fratello, ha bisogno dell’ossigeno contenuto nell’aria per funzionare.

In sostanza è un contenitore traforato, che contiene materia organica che viene decomposta da micro organismi, il risultato di questa decomposizione è calore, anidride carbonica, acqua e compost, che è un ottimo fertilizzante per le piante.150097_10205115125027545_4893051227289428488_n

Potrete quindi riutilizzare interamente lo scarto umido vegetale per far crescere rigogliose e sane le vostre piante, sia quelle ornamentali che quelle da frutto.10733987_10205115126147573_2785074895085666855_n

Potete inserire nel vostro digestore aerobico i lombrichi, i vermi marroni che trovate nei terreni sani, non trattati con agricoltura intensiva.1891105_10205115128067621_2107424833115866788_n

Queste meravigliose creature scaveranno dei tunnel nella pila di materia organica, favorendone l’areazione, ed in più “consumeranno” la materia organica producendo il principale ingrediente del thé per le piante…

View original post 18 altre parole

Annunci
commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...