Archivio per la categoria ‘Resoconto periodico attività associazione’


Per Voi che ci seguite e sostenete, permettendoci di continuare la nostra opera di bonifica energetica, è arrivato il momento di essere puntualmente informati con un resoconto delle attività svolte durante i primi 4 mesi di lavoro.

Cosa abbiamo fatto.

Ad aprile, dopo aver fatto il sopralluogo e l’ottimizzazione degli impianti a casa della famiglia Gramada, abbiamo avviato il nostro primo progetto di solidarietà energetica.
Giorgia era in dolce attesa ed Adriano lavoricchiava ad intermittenza, le bollette erano alte, troppo alte, abbiamo fatto tutto il possibile per aiutarli, compreso finanziare l’acquisto del materiale necessario alla modifica dei loro impianti.
A casa dei Gramada, cambiato gestore e tariffe per l’acquisto dell’energia elettrica, abbiamo ottimizzato l’impianto elettrico, eliminando falsi contatti, contatti ossidate, adattatori e prolunghe. Tutti gli elettrodomestici fissi sono stati collegati direttamente all’impianto (frigorifero, lavatrice e scalda-acqua elettrico).
Abbiamo costruito un collettore solare capace di produrre più di 200 litri d’acqua calda riscaldati dal sole, il collettore alimenta lo scalda-acqua elettrico che da maggio ormai non si accende praticamente mai.
La lavatrice è stata collegata all’alimentazione con acqua miscelata, grazie ad un rubinetto termostatico. Giorgia regola la temperatura del lavaggio, prima di impostare il programma nella lavatrice. In questo modo la lavabiancheria non utilizza l’elettricità per scaldare l’acqua, bensì l’acqua calda solare ottenuta gratuitamente.
Il frigorifero era ormai molto vecchio e non accennava mai a spegnersi, abbiamo sostituito quello vecchio con uno nuovo (A++).
Da aprile i consumi dei Gramada si sono drasticamente ridotti, segnando un record di risparmio a giugno (194 kWh, quasi 140 kWh rispetto alla media dello stesso periodo dell’anno scorso).
Nonostante la nascita di Emma, celebrata con gioia ed entusiasmo da tutto il gruppo il 29 giugno, il caldo record di due settimane, che ha costretto i Gramada ad usare intensivamente il climatizzatore, i consumi previsti per il mese di luglio sono rimasti più bassi rispetto all’anno scorso.

Con il materiale avanzato dall’acquisto per la famiglia Gramada, abbiamo aiutato Luigi Arsì a Siracusa, che da maggio non ha più dovuto accendere lo scalda-acqua elettrico.
Sul suo tetto c’è una spirale di tubo nero in polietilene da un pollice, che scalda 80 litri d’acqua.

Da metà giugno è iniziata la raccolta di adesioni al Gruppo di Acquisto Solidale, ad oggi più di 50 famiglie si sono iscritte e la metà sono state già visitate ed i loro progetti sono in fase di valutazione tecnica.

Grazie ai sopralluoghi effettuati finora, le famiglie già visitate hanno avuto la possibilità di ridurre considerevolmente i loro consumi elettrici. Infatti partecipare al sopralluogo tecnico ha reso i componenti di ogni famiglia più consapevoli ed attenti. In molti casi l’adozione di semplici abitudini, ha permesso una sostanziale riduzione dei costi delle prossime bollette. Mi riferisco all’eliminazione dello stand-by, all’eliminazione di doppie prese, adattatori e prolunghe, allo sbrinamento periodico del frigo-congelatore ed al cambio di fornitore di energia.

Cosa faremo.

Al ritmo di crescita attuale entro l’autunno chiuderemo il nostro primo GAS, composto da 100 famiglie.

Cambieremo anche la forma dell’associazione per poter assumere a tempo pieno dei tecnici e formare una squadra che segua ogni famiglia. Le famiglie ricambieranno donando all’associazione una piccola parte del denaro che ogni anno viene risparmiato grazie al nostro aiuto.

Verrà ampliata l’offerta dei servizi, aggiungendo anche il servizio di connettività gratuita, grazie al gruppo ninux di Reggio Calabria, saremo in breve tempo capaci di erogare alle famiglie anche un servizio di connessione, che potrà permettere a noi di monitorare i consumi di ogni famiglia, ed alle famiglie di intercomunicare tra loro scambiando dati, immagini e servizi voce (VoIP).
La rete così creata, grazie a dei nodi wi-fi montati a casa di ognuno, permetterà il libero accesso ad internet, con costi nettamente inferiori agli attuali e prestazioni nettamente superiori.

Tra qualche giorno inizieremo a costruire l’eco-camp di Punta Pellaro. Abbiamo avuto in concessione d’uso gratuita un terreno di quasi un ettaro ed almeno per due anni potremo usufruire di quella superficie per creare un luogo dove si insegna come fare, per vivere in modo sostenibile.
Gli ospiti dell’eco-camp forniranno gratuitamente il loro lavoro per 4 ore al giorni, in cambio di ospitalità e servizi di base.
All’interno dell’eco-camp ci saranno uno stagno solare, per distillare l’acqua del mare ed irrigare gli orti, una piscina naturale fito-depurata per gli ospiti e l’accesso ad un’immensa spiaggia, dove gli appassionati del genere potranno praticare windsurf e kitesurf praticamente tutti i giorni.
L’energia elettrica sarà prodotta grazie ad un impianto eolico di grandi dimensioni.

Grazie alla generosità delle famiglie che abbiamo aiutato finora, il bilancio trasparente dell’associazione è in attivo. Per questo motivo a settembre selezioneremo un’altra famiglia da aiutare, come abbiamo già fatto con i Gramada.

Consulta la mappa aggiornata in tempo reale delle nostre attività svolte sul territorio nazionale.

Aiutaci a crescere ed aiutare sempre più famiglie.